RSS

Archivi tag: spaghetti

Spaghetti asparagi, alghe nori e sesamo tostato

Ci siamo!!! Sono in partenza! Torno in Giappone, l’unico posto al mondo, oltre alla mia città, che mi fa sentire a casa!

E per festeggiare eccovi un piatto di spaghetti (la mia pasta preferita!), wafu, ossia alla maniera giapponese!

Ingredienti:

160 g di spaghetti
alghe nori tagliate a striscioline
semi si sesamo tostati
salsa di soia
un mazzetto di asparagi
aglio
olio

Preparazione:

Mentre l’acqua per la pasta viene portata ad ebollizione, mettere un giro di olio in una padella, uno spicchio d’aglio (io lo taglio a lamelle dopo aver levato la buccia e l’anima) e gli asparagi tagliati a rondelle. Aggiungere un po’ di acqua per fare in modo che questi ultimi si cuociano bene ed insaporire verso fine cottura con della salsa di soia al posto del sale. Intanto cuocere gli spaghetti e, quando sono al dente, scolarli e versarli nella padella col condimento e saltare per un minuto circa. Impiattare ed aggiungere sul piatto di portata i semi di sesamo tostati a dovere e le alghe nori a striscioline!!

Gli asparagi non sono l’unica verdura che uso per questo piatto, ci stanno molto bene anche broccoli o cavolfiori e anche i funghi, champignon o misti.

Alla prossima,
bunny chan.

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su 3 ottobre 2012 in Cucina Giapponese, Primi Piatti

 

Tag: , ,

Spaghetti pomodorini e fiori di zucca

Sempre della serie “l’orto di mia nonna”, stavolta, oltre ai fiori, mi ero portata a casa anche dei pomodorini! La cipolla invece, era mia: fatta crescere interamente in un vaso sul mio balcone!

Ingredienti:

Spaghetti x 2
1 piccola cipolla sminuzzata
5-6 pomodorini
4-5 fiori di zucca
1 bicchierino di vino bianco
olio
sale

Preparazione:

Mentre gli spaghetti cuociono in abbondante acqua salata, in una padella far stufare la cipolla in un po’ d’olio e un cucchiaio di acqua, finchè non risulti trasparente (attenzione a non bruciarla. Unire i pomodorini tagliati a pezzetti e cuocere per 5 minuti. Sfumare col bicchierino di vino bianco ed aggiungere i fiori tagliati a listarelle. Quando gli spaghetti saranno pronti, versarli nella padella e saltarli con il condimento.

Alla prossima,
bunny chan.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 luglio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegane

 

Tag: , ,

Spaghetti con pomodorini arrosto

Posso usare il forno ancora per poco, perchè poi farà troppo caldo. Quindi ho deciso di farmi questa pasta condita con dei pomodorini al forno, che ho imparato a fare ad uno dei corsi del Gambero Rosso che ho frequentato tempo fa…

E’ molto semplice: basta mettere in forno dei pomodorini tagliati in due o tre parti e delle olive denocciolate, il tutto condito con sale, pepe, olio e basilico e cosparso con abbondante pangrattato!

Mettere la teglia in forno caldo a 180° finchè i pomodorini non faranno una bella crosticina sopra, dovuta al pangrattato abbrustolito, 30 minuti circa.

Intanto cuocere gli spaghetti, scolarli e condirli con i pomodorini. Aggiungere un filo di olio a crudo e servire!

Buoni e semplici!

Alla prossima,
bunny chan.

 
3 commenti

Pubblicato da su 16 maggio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegane

 

Tag: , ,

Spaghetti con caviale vegan di Ikea!

Da quando ho trovato questo surrogato di caviale, completamente vegan, nel frigo di casa di mia sorella, non ne posso più fare a meno. Si trova nel banco frigo della bottega svedese di ikea ed io, ormai, lo prendo regolarmente (Tangkorn, 85 grammi, euro 2,45).

Le uova di lompo (il caviale, quello vero, non l’ho mai assaggiato in realtà!) sono una di quelle cose divertenti da mangiare quando si è piccoli, che un po’ mi sono mancate quando son diventata vegetariana, a 14 anni, ed ora che ho trovato questa variante vegan sono contenta come una bambina!!

Adoro la loro consistenza scoppiettante sotto i denti, ed il sapore vagamente marino, che deriva dalle alghe con il quale è fatto!! Per i primi 3 barattoli ho sperimentato qualche ricetta, ma non mi è piaciuta molto, e quindi ho continuato a mangiarle nel miglior modo che avevo trpovato: spalmete con il burro (o la maionese) sul pane per i tramezzini! Ci si possono fare delle tartine, dei mini tramezzini o tostare un po’ il pane prima.

Ultimamente, invece, ho sperimentato due nuove ricette che non erano affatto male. La prima l’ho presa dal blog di Barbara: un risotto di mare al limone, molto buono!

La seconda l’ho trovata in giro, da diverse fonti, cercando ricette con le uova di lompo. Son degli spaghetti semplici semplici, praticamente un’aglio e olio con l’aggiunta del tangkorn.

Ingredienti per 2 persone:

180 gr di spaghetti (io ho usato quelli integrali, che mi piacciono tantissimo!)
1 spicchio d’aglio
olio q.b.
sale
peperoncino
qualche foglia di basilico (la ricetta originale dice prezzemolo, ma il mio compagno non lo ama particolarmente!)
2 cucchiai di tangkorn
qualche goccia di succo di limone

Preparazione:

Dopo aver messo a bollire gli spaghetti in abbondante acqua salata, mettere l’olio in una bella padella e scaldarlo. Aggiungere l’aglio, il peperoncino e il basilico tritati e un cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Rosolare per qualche minuto e poi spegnere il fuoco ed aggiungere i 2 cucchiai di tangkorn. Scolare gli spaghetti direttamente nella padella e saltare. Dividere sui piatti di portata e spruzzare sopra ogni piatto di spaghetti qualche goccia di succo di limone. Guarnire con un paio di fette di limone (questo lo avevo preso da un alberello di limoni durante una passeggiata con i miei nipoti, mentre scappavamo da un grosso dinosauro con le corna 🙂 ) e servire!


E domani è il compleanno di mia mamma, quindi tanti auguri mami, anche da qui!!

Alla prossima,
bunny.

 
2 commenti

Pubblicato da su 14 marzo 2012 in Primi Piatti, Recensione prodotti, Ricette Vegane

 

Tag: ,

Spaghetti al caglio di latte di capra, friggitelli e crumble di pane alla Cristina

Questa ricetta l’ho già pubblicata sul mio blog sul Giappone, ma volevo che fosse anche qui, visto che è qui raccoglieremo tutte le nostre ricette!

Come ho già detto, mi piace andare a mangiare fuori in posti buoni, e il Glass Hostaria, di Cristina Bowerman, è il mio preferito in assoluto, per tanti buoni motivi, ma soprattutto per la cortesia e la creatività della chef, che non manca mai di modificare i suoi piatti per le mie esigenze di vegetariana, con amore e fantasia, e questo, secondo me, è quello che fa la differenza tra uno chef e un grande chef, come è lei!!

Ebbene, questi spaghetti sono la mia rivisitazione di un suo famoso piatto, che, la prima volta che ho visto in menù mi è sembrata molto azzardata. Tutti quei sapori diversi insieme (nella ricetta originale c’è anche la bottarga)? Che c’entrano uno con l’altro?
E poi, invece, li ho assaggiati e ad ogni forchettata non smettevo di stupirmi di come potessero essere perfetti in ogni suo elemento!! Insomma son diventati il mio piatto preferito, ed ogni volta che andavo lo riprendevo estasiata (son durati tanto in menù anche grazie alle mie insistenze misa, e son stati citati anche sulla guida del Gambero Rosso!!). Ma, come in ogni buon ristorante che si rispetti, il menù varia a seconda della stagione e dei suoi prodotti tipici, e gli spaghetti felicetti (è il marchio della pasta, ma per me era diventato il “titolo” della ricetta, visto il sorriso che mi si stampava in faccia ogni volta che ne mangiavo!) sono usciti di scena…quindi ho cercato di rifarli a casa, naturalmente interpretandoli da me, visto che ad uno chef non si chiede mai la ricetta dei suoi capolavori 😉 !

Questa è la sua versione.

Ingredienti:

1 peperone rosso
1 cipolla piccola
friggitelli
latte di capra
1 fetta di pane
spaghetti
succo di mezzo limone
sale

Preparazione del coulis di peperoni:
Stufare ben bene in padella il peperone e la cipolla, salare a metà cottura e infine passarli al mixer finchè diventano una crema! Per renderla ancora più liscia si può passarla al setaccio.

Preparazione dei crumble di pane:
Sbriciolare il pane su una teglia da forno ricoperta di carta. Aggiungere un po’ d’olio e mischiare bene. Spargere le molliche su tutta la grandezza della teglia e infornare a 180° per una decina di minuti.

Preparazione del caglio (da fare la sera prima):
Mettere il latte in un pentolino e riscaldare. Prima che bolla abbassare la fiamma ed aggiungere il succo di limone, mescolare su fuoco bassissimo (non deve mai bollire) per 2 minuti poi spegnere e portare a temperatura ambiente. Una volta raffreddato mettere in frigo ed attendere una notte. Prima di usarlo separare la parte del siero più acquosa, ed utilizzare solo la parte sotto, più densa.

Preparazione friggitelli:
Pulire i friggitelli e tagliarli a striscioline, poi stufarli in padella con l’aggiunta di sale.

Preparazione del tutto:
Cuocere gli spaghetti in acqua salata. Disporre in un piatto una base di coulis di peperoni. Scolare gli spaghetti e condirli coi friggitelli, poi aggiungere il caglio di latte di capra, mischiare bene e mettere sul piatto di portata, sopra la base di peperoni. Decorare con il crumble di pane e servire!

Questa è la mia versione!!

Certo, non è proprio uguale a quella del Glass, ma come sapore ci si avvicinava molto e anche il mio ragazzo ha approvato!! La ricetta in se è un po’ laboriosa forse, ma il suo sapore vi stupirà!

Alla prossima,
bunny.

 
3 commenti

Pubblicato da su 25 gennaio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,