RSS

Archivi tag: peperoni

Peperoni, capperi e mollica di pane

Questa ricetta era della ex moglie di un mio ex. Lei era della provincia di Foggia, ed io a quel tempo, per colpa sua, odiavo la Puglia (per fortuna che ora mi sono ricreduta!). Ma quel piatto cucinato d’estate, all’aperto, nella casa che si affacciava sulle sponde del lago di Bracciano, mi aveva conquistata!
Il pangrattato sui piatti (o la mollica di pane abbrustolita!), retaggio tipicamente pugliese, da allora non mi ha mai abbandonata: la trovo la più grande alternativa al parmigiano, ed è più buono e più goloso, visto che a volte fa quella crosticina croccante che è la fine del mondo!!

Ingredienti:

– 2 peperoni, uno giallo e uno rosso che fanno un bel tocco di colore
– la mollica di un paio di fette di pane (o pangrattato)
– 2 cucchiai capperi
– sale
– olio extravegine d’oliva
– pinoli tostati (facoltativo)

Preparazione:

Lavare i peperoni e tagliarli a strisce, metterli in una padella con un po’ d’olio extravergine d’oliva. Aggiustare di sale, e lasciar cucinare a fuoco lento avendo cura di girare di tanto in tanto. Verso fine cottura aggiungere due cucchiai di capperi con un po’ d’acqua di salamoia. Se si usa il pangrattato aggiungere adesso e continuare a mescolare fino a far assorbire tutto il sughetto dei peperoni. Se invece si usa la mollica di pane sbriciolata grossolanamente, togliere i peperoni dalla padella e metterli in un piatto. Aggiungere un po’ d’olio nella stessa padella e il pane, e tostare leggermente, unire di nuovo i peperoni e saltare in padella per qualche minuto. Servire, se volete ulteriore sapore, con una spolverata di pinoli tostati sopra.

Se vi avanzano (anche se è improbabile 😉 !), sono ottimi per condire la pasta il giorno dopo!!

Alla prossima,
bunny chan.

 
3 commenti

Pubblicato da su 13 giugno 2012 in Contorni, Cucina Pugliese

 

Tag: ,

Gazpacho fragole e pomodori

Ho già professato il mio amore per le zuppe, ma mai ho provato a farmele anche d’estate, magari fredde o tiepide. Ed è per questo che ieri, in giro per il supermercato, mi è venuta voglia di provare un bel gazpacho, ma siccome non amo particolarmente i cerioli, ho optato per un inserire nella ricetta un nuovo gusto, quello delle fragole!!!

Si fa così!

Per due persone, si tagliano a cubetti nel contenitore del mini-pimer (o nella vaschetta del frullatore) 1/2 peperone rosso, 1 pomodoro maturo tondo da sugo, una decina di fragole. Si aggiunge un filo d’olio, un pizzico di sale, una macinata di pepe e 1 foglia di basilico.

Si frulla il tutto e si serve. In un bicchiere da cocktail con un cubetto di ghiccio e una fragola intera, per uno squisito aperitivo, o in una ciotola, con dei crostini di pane fatti rosolare in padella con poco olio, come antipasto.

Alla prossima,
bunny chan.

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 maggio 2012 in Ricette Vegane, Zuppe, Creme e Vellutate

 

Tag: , ,

Rataquiche

Avete presente la ratatuille fatta qualche tempo fa? Ho abbondato volontariamente con la quantità perchè meditavo di fare questa quiche di verdure, che ho chiamato, appunto, Rataquiche!

Come tutte le torte salate è semplicissima e veloce da fare, specie se avete già pronte le verdure 😉

Ecco cosa vi serve:

– Ratatouille avanzata (trovate la ricetta qui)
– 1 uovo
– 1 rotolo di pasta brisè o di pasta sfoglia
– 1/2 scamorza bianca

Procedimento:

Accendere il forno a 180° (io uso quello ventilato). Nel frattempo imburrare una pirofila tonda e foderarla con la pasta brisè. Tagliare a fette sottili la scamorza e metterle sul fondo.

In una ciotola mischiare alla ratatouille un uovo, per far sì che le verdure leghino meglio fra loro quando passeranno in forno.

Versare la ratatouille nella pirofila e infornare per 30-40 minuti, cioè fino a quando la pasta non avrà assunto un goloso colore dorato.

Per permettere alle quiche di cuocersi per bene, metto la pirofila prima nella parte alta del forno (per circa 20 minuti) e poi nella parte più bassa. Così si dora bene anche la base.

A cottura ultimata spegnere il forno e lasciare intiepidire un po’ la torta, per gustarne meglio il sapore.

Buona rataquiche!

 
 

Tag: , , ,

Ratatouille

Ho fatto disperare la mia mamma per anni, perchè odiavo le verdure. Da alcuni anni, invece, ho iniziato ad apprezzarne il gusto e soprattutto il colore, ma faccio ancora fatica ad inventarmici dei piatti. Però ci provo!

Ecco qui la Ratatouille, che come tutti saprete è un piatto francese, un piatto povero, tipico dei contadini di un tempo, fatto da zucchine, melanzane, peperoni e cipolle cotte in padella.

Non ho mai assaggiato il piatto originale, anche perchè, ahimè, non sono mai stata in Francia (pardon ma Reine -____-‘), la ricetta l’ho presa in rete, esattamente da qui apportando solo una minima modifica nelle spezie e nella quantità (dovendo cucinare per 2 invece che per 4).

Ingredienti per 2 persone abbastanza affamate:

-2 peperoni
-1 zucchina
-1 melanzana
-1 cipolla rossa
-1/2 kg di pomodori succosi
-uno spicchio d’aglio
-olio
-sale
-pepe
-timo
-rosmarino
-dragoncello (non ho idea di che tipo di spezia sia)

Ecco…non ho trovato le 3 spezie, così ho ripiegato su un insaporitore Ariosto, esattamente quello per le carni al forno, per la sola ragione che conteneva sia il timo che il rosmarino, oltre alle altre spezie.

Procedimento:

Pulire e tagliare a pezzi piuttosto piccoli i peperoni, la melanzana e la zucchina. Nel frattempo soffriggere in un po’ d’olio uno spicchio d’aglio e la cipolla rossa tagliata finemente.

Buttare in padella le verdure, aggiungendo poca acqua. Lasciare cuocere circa 10-15 minuti.

A questo punto la ricetta originale prevede di aggiungere i pomodori privati della buccia e dei semi…io però non ho tanta pazienza e, soprattutto, mi piace mangiare i pomodori con la buccia, quindi mi sono limitata a spremerli velocemente tagliandoli in due e aggiungerli al resto della verdura.

Mettere le spezie, il pepe e aggiustare di sale, lasciando poi cuocere almeno altri 10 minuti. Io preferisco le verdure molto morbide, quindi ho lasciato cuocere il doppio del tempo.

La ratatouille è pronta! L’ho accompagnata ad un semplicissimo riso al vapore, per avere un piatto bilanciato e perchè mi piaceva il contrasto fra le verdure colorate e il bianco del riso 😀

Giuro che durante la cottura non avevo nessun roditore nascosto sotto al cappello 😉

 
5 commenti

Pubblicato da su 30 gennaio 2012 in Piatti unici, Ricette Vegane

 

Tag: , ,

Farfalle Philapeperelli

Avere il frigo semi vuoto può provocare crisi di panico e deliri, ma a volte è un buon pretesto per aguzzare l’ingegno e la fantasia e creare un piatto appetitoso, ed è proprio quello che è successo a me qualche sera fa.
Avevo 2 mezzi peperoni crudi e tagliati a listarelle (una metà gialla e una rossa), avanzo dei burritos, pisellini surgelati e un cubetto di Philadelpia alle olive sopravvissuto alla cena del 24 dicembre. Ed è da questi ingredienti che è venuto fuori un primo che il mio compagno ha molto apprezzato, tanto da richiedermelo già la sera successiva.
Ecco cosa serve per 2 porzioni di queste farfalle ai pisellini verdi con crema di peperoni e philadelpia alle olive…Beh, intanto un quaderno per appuntarvi sto nome infinito!
Per far prima ecco un nome nuovo nuovo: Farfalle Philapeperelli 😉

-farfalle
-una manciata di pisellini surgelati
-1 peperone (o due metà di diverso colore)
-1/2 cipolla
-1 dado vegetale
-olio e sale q.b.

Procedimento:
Tagliare a listarelle il peperone e stufarlo in una pentola in cui avrete fatto appassire la cipolla con un filo d’olio. Per dare un po’ di sapore in più ho aggiunto un dado vegetale. Quando il peperone si sarà ammorbidito, mettete tutto in un recipiente, aggiungete il cubetto di Philadelpia alle olive e riducete in crema con il frullatore ad immersione, aggiungendo un filo d’olio e un po’ di pepe. Mettete da parte.
Nella stessa pentola in cui avete cotto il peperone, cuocete i pisellini e nel frattempo, a parte, mettete a bollire l’acqua per la pasta.
Quando anche le farfalle saranno cotte, scolatele, aggiungete i pisellini e un mestolo di crema ai peperoni, mescolate, impiattate e aggiungete su ogni piatto un altro po’ della salsina.
Buon appetito!

 
6 commenti

Pubblicato da su 16 gennaio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Ho veganizzato i burritos

La ricetta della mia compagnuccia di blog mi ha fatto venire voglia di provare a fare questa ricetta, ma io non mangio carne. La cosa piu’ semplice e’ stata prendere il seitan, che casualmente avevo nel frigo, e le tortillas, che avevo sempre casualmente, e provare. Ho preso la ricetta e ho semplicemente sostituito la carne col seitan.

Purtroppo mio marito mangia carne e quindi non ha voluto nemmeno assaggiare la mia versione, che e’ stata fatta in mono dose.

Quindi gli ingredienti sono:

  • 2 tortillas
  • 100 gr di seitan
  • mezzo peperone
  • mezzo pomodoro
  • le spezie.

La salsa messicana non l’ho trovata, e poi io non amo il piccante.

Per cui ho preso pomodori e peperoni e li homessi nella padella con un filo di olio. Intanto il seitan era a fettine…Come fare? ma con la grattugia! Insomma, grattugiato il seitan l’ho messo nella padella, e ho aggiunto le spezie. Cotto tutto e messo nelle tortillas, ecco il risultato:

 
6 commenti

Pubblicato da su 10 gennaio 2012 in Piatti unici, Ricette Vegane

 

Tag: ,

Burritos

Questo è sicuramente il piatto che riscuote più successo fra i miei amici! La ricetta originale mi è stata data da un’ex collega, in maniera molto approssimativa, ci ho pensato poi io ad ottimizzarla e il risultato è stato perfetto!
Per fare i burritos serve:
– Tortillas (piadine messicane)
– 600 gr di macinato bovino
– 2 peperoni, uno rosso e uno giallo
– 7-8 pomodori (io uso i ciliegina)
– una cipolla
– olio q.b.
-spezie per burritos. Io ultimamente uso il preparato di spezie per burritos di Cannamela, della linea sapori del mondo, che contiene peperoncino, paprika dolce, pepe, aglio, cipolla, origano e cumino, ma se non trovate il preparato potete metterci le spezie singolarmente.
-salsa messicana piccante.
Al supermercato trovo sia le piadine che la salsa piccante nel reparto di cibi etnici, sono entrambe della marca Casa Fiesta.

Procedimento:
Tagliare la cipolla sottile sottile o tritarla se non gradite che si senta in bocca, tagliare i peperoni a listarelle e i pomodorini in spicchi.
In una pentola antiaderente molto capiente (io uso il wok dell’ikea) scaldare un po’ d’olio e fare appassire la cipolla, aggiungere i peperoni e quando questi si saranno ammorbiditi, versare i pomodori.
Lasciare cuocere qualche minuto, poi aggiungere la carne macinata e mescolare affinchè tutto si amalgami, versare le spezie (regolatevi con la quantità versandone poco alla volta e assaggiando), aggiustare di sale e lasciare andare fino alla completa cottura della carne.
Nelle spezie è presente il peperoncino, quindi la carne sarà appena piccante ma, se lo gradite, potete aggiungere uno o due cucchiaini di salsa piccante già in cottura.
Personalmente preferisco cuocere senza la salsa e lasciare che ogni ospite scelga se mettercela o meno nella propria tortillas.
A questo punto non vi resta che scaldare le tortillas e farcire!
Buon appetito!!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 gennaio 2012 in Piatti unici

 

Tag: ,