RSS

Crema di Mais

Sta tornando il freddo…a tratti, ma già mi è venuta voglia di cucinare zuppe 😉 !!! Vi ho già detto che adoro le zuppe, vero? Ho comprato un bel libro tempo fa e ne ho provate alcune, ma mai programmate: guardo in frigo e se ho gli ingredienti adatti mi cimento, magari apportando qualche piccola modifica qua e là, a seconda delle disponibilità e dei gusti!

Tempo fa avevo delle pannocchie di quelle precotte: le compro ogni tanto da fare come contorno al volo, quando ho poco tempo e voglia di qualcosa di diverso. Io ne avevo 2 ed ho dimezzato le dosi, ma qui voglio darvi la ricetta intera, che dovrebbe essere più o meno per 4 persone!

Ingredienti:

4 pannocchie
500 ml di acqua
sale
2 foglie di alloro
2 cucchiai di olio d’oliva
1 cipolla grande a fette
1 patata grande a cubetti
timo
salvia
200 g di formaggio spalmabile
1 bicchiere di latte (io uso sempre quello di soia)
pepe
paprika per guarnire

Sgranare le pannocchie, mettere da parte i torsoli e cuocere i chicchi in 500 ml di acqua con l’aggiunta dell’alloro e un pizzico di sale (15 minuti dopo l’ebollizione). Scolare il mais e tenere da parte l’acqua di cottura.
in una padella far appassire la cipolla con dell’olio, poi aggiungere la patata e gli odori, far andare un po’, poi aggiungere l’acqua di cottura del mais e cuocere finchè le patate non risultino morbide.
Nel frattempo mettere i torsoli in una pentola, coprirli a filo con dell’acqua e far bollire per 2 minuti.
Aggiungere il formaggio e il latte e fresco nelle patate e frullare il tutto, aggiungere l’acqua dei torsoli ed il mais, riscaldare e aggiustare di sale e pepe. Servire con un pizzichino di paprika per fare un po’ di colore!

Ho adorato la sua doppia consistenza: la cremosità e il mais, che invece scrocchia sotto i denti!

Alla prossima,
bunny.

 
1 Commento

Pubblicato da su 26 settembre 2012 in Ricette Vegetariane, Zuppe, Creme e Vellutate

 

Tag:

Okonomiyaki

Che cucina sguarnita che abbiamo! Siamo partite in 5, piene di intenti, pentolame ed ingredienti, ma ora questo blog langue, come un frigorifero vuoto…però voglio metterci ancora un po’ di passione prima di darmi per vinta…

Sto organizzando un nuovo viaggio in Giappone, stavolta solo 10 giorni, ma saranno molto, molto intensi!
Vado con un’amica che non è mai stata prima, ed in 10 giorni avremo davvero tantissimi posti da vedere, un milione di cose da fare e mille piatti da assaggiare!

E, a proposito di cibo giapponese, ultimamente mi è venuta una gran voglia di okonomiyaki, e siccome in giro per Roma non c’è nessun ristorante che lo propone in menù, sono andata a fare spesa e ho deciso di prepararmela da sola e devo dire che il risultato è stato ottimo, più che gradito anche dalle persone cui l’ho preparato!

In casa avevo già la maionese kewpie (kyupi) e la salsa per gli okonomiyaki, nonchè le alghe aonori, trovate da NaturaSì.

Il resto della spesa comprendeva:

1/4 di cavolo verza
1/2 cipolla
5 funghi champignon
5 friggitelli
del formaggio che fonde tipo fontina a tocchettini
1 bicchiere di farina
1 pizzico di sale
1 uovo
1 cucchiaino di olio di semi

Preparazione

Tagliare tutte le verdure a listarelle e mischiarle bene in una ciotola capiente, in un altro contenitore mescolare bene la farina con 3/4 bicchiere di acqua, l’uovo e un pizzico di sale, poi unire le verdure e continuare a mescolare finchè tutto sia ben amalgamato. La consistenza finale deve essere con una prevalenza di verdure appena ricoperte dalla pastella!

Il formaggio può essere sia amalgamato all’impasto, in questa fase, sia messo sopra, come topping, una volta girato l’okonomiyaki.

In una padella antiaderente riscaldare 1 cucchiaino di olio di semi e, quando è caldo, versarvi la metà della pastella (io l’ho fatto contemporaneamente in 2 padelle in modo che sia io che il mio ospite non vegetariano potessimo mangiare il nostro okonomiyaki contemporaneamente, ma si possono fare anche una dietro l’altra e dividervele!). Allargare bene l’impasto nella padella, fino a renderlo tonda e uniformemente alto.
Coprire con un coperchio ed attendere che la parte sotto sia ben dorata (5 minuti circa), prima di rigirare la frittella per farla cuocere dall’altrra parte (altri 5 minuti circa).

Servite su un piatto di portata insieme ai condimenti (maionese, salsa okonomiyaki e alghe aonori), che potranno essere aggiunti a vostro gradimento!

Son venute così buone che stavo pensando di aprire un ristorante ;-) !!

Alla prossima,
bunny chan.

 
1 Commento

Pubblicato da su 17 settembre 2012 in Cucina Giapponese, Piatti unici, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Tagliolini alla russa con un tocco giapponese

Da quando ho assaggiato il caviale vegan di ikea, sono sempre alla ricerca di nuove idee per usarlo in cucina, e così mi sono imbattuta per caso in questa ricetta, che all’origine prevedeva, naturalmente, del vero caviale, ma che ho reinterpretato in chiave vegetariana.
E siccome ce le avevo a portata di mano ed ho pensato che il loro sapore marino si sposasse bene con il caviale vegan, ci ho anche aggiunto il mio tocco orientale!!
Ingredienti e dosi per 2 persone:
160 g di tagliolini
panna di soia
burro
1/2 bicchierino di vodka
2 cucchiai di tangkorn
sale
pepe
alghe nori tagliate a listarelle

Preparazione

Lessate i tagliolini in abbondante acqua salata.
Nel frattempo sciogliete il burro in una casseruolina, unite la panna, la vodka e il tangkorn.
Mescolate e scaldate a fiamma bassissima senza far prendere l’ebollizione, poi salate e pepate.
Scolate i tagliolini, senza però farli asciugare troppo, e metteteli in padella col condimento, saltandoli per qualche secondo. Prima di servire, aggiungete su ogni piatto una manciata di alghe nori!
Alla prossima,
bunny chan.
 
2 commenti

Pubblicato da su 5 settembre 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Penne fiori di zucca e crema allo zafferano

Ultimo mazzetto di fiori di zucca provenineti dall’orto di mia nonna!

Altra ricetta veloce da preparare e gustosa, moooolto gustosa.

Ingredienti:
Penne (o altro tipo di pasta corta che vi piace…io ci vedo bene anche le farfalle!!!)
1 piccola cipolla (sempre del mio terrazzo!)
1 mazzetto di fiori di zucca
panna di soia
1 bustina di zafferano
olio
parmigiano (facoltativo!)

Mentre la pasta cuoce, far\stufare in una padella la cipolla sminuzzata con l’olio ed un cucchiaio di acqua. Quando sarà diventata trasparente aggiungere i fiori di zucca a listarelle e cuocere per un paio di minuti, poi spegnere il fuoo irrorare con la panna di soia e unire la bustina di zafferano. Mescolare ben, bene, finchè la panna non avrà assunto un bel colore giallo intenso. Scolare la pasta e ripassarla in padella con la crema allo zafferano, servite, se volete, con una spolverata di parmigiano!

Alla prossima,
bunny chan.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 agosto 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegane

 

Tag: ,

Spaghetti pomodorini e fiori di zucca

Sempre della serie “l’orto di mia nonna”, stavolta, oltre ai fiori, mi ero portata a casa anche dei pomodorini! La cipolla invece, era mia: fatta crescere interamente in un vaso sul mio balcone!

Ingredienti:

Spaghetti x 2
1 piccola cipolla sminuzzata
5-6 pomodorini
4-5 fiori di zucca
1 bicchierino di vino bianco
olio
sale

Preparazione:

Mentre gli spaghetti cuociono in abbondante acqua salata, in una padella far stufare la cipolla in un po’ d’olio e un cucchiaio di acqua, finchè non risulti trasparente (attenzione a non bruciarla. Unire i pomodorini tagliati a pezzetti e cuocere per 5 minuti. Sfumare col bicchierino di vino bianco ed aggiungere i fiori tagliati a listarelle. Quando gli spaghetti saranno pronti, versarli nella padella e saltarli con il condimento.

Alla prossima,
bunny chan.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 luglio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegane

 

Tag: , ,

Risotto zafferano e fiori di zucca

Nell’orto di mia nonna non manca mai un pezzettino di terreno coltivato con le zucchine e tutti i giorni, ad aspettarla, ci sono tanti bei fiori gialli!! Da piccola, quando passavamo l’estate da lei, i fiori di zucca fritti a merenda erano un classico, ed ancora oggi mi piacciono molto, ma siccome mi piace anche sperimentare cose nuove, ho voluto provare a farne altro, e così è uscito fuori questo risotto.

Ingredienti:

riso
burro
parmigiano
1 bustina di zafferano
una decina di fiori di zucca
1 piccola cipolla tritata
olio
brodo vegetale leggermente salato
pepe

Preparazione:

Soffriggere in un po’ di olio la cipolla finquando sia ben cotta e trasparente (io ho sfumato anche con un po’ di birra che dà quall’aroma tipico e amarognolo che non guasta!!!), tostare il riso nella stessa pentola per 1 minuto e aggiungere il brodo poco alla volta, fino a metà cottura circa. Aggiungere i fiori di zucca lavati e tagliati a listarelle e continuare a cuocere per altri 5 minuti. Infine aggiungere lo zafferano e mescolare bene. Portare a termine la cottura e mantecare con burro e parmigiano, aggiungere una spolveratina di pepe, se si gradisce, e servire. Io ho decorato con delle rondelle di zucchine, sempre dell’orto di mia nonna, fatte semplicemente in padella!

Alla prossima,
bunny chan.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 luglio 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Trofie rucola e pomodorini

E’ sempre una bellissima sorpresa tornare a casa stanchissimi dopo una lunga giornata di lavoro e trovare il proprio uomo in cucina a preparare la cena, specie se poi il risultato è una pietanza così gustosa!
Questo è un piatto molto salentino: c’è il fresco-amarognolo della rucola, un pizzico di piccante e i pomodorini succosi. La ricetta originale prevede l’uso dei minchiareddhi, una pasta fresca pugliese, che vedete qui in foto (quelli fatti con la farina di orzo sono squisiti!), ma non avendoli a disposizione il mio ragazzo ha optato per le trofie.

Ma passiamo alla ricetta.

Ingredienti per 2 persone:
-250 gr di minchiareddhi o di trofie fresche
-1 spicchio d’aglio
-olio q.b.
-una decina di pomodorini succosi
-un mazzetto di rucola
-un cucchiaino di peperoncino macinato

Procedimento:
Mettere sul fuoco la pentola con abbondante acqua salata e portare ad ebollizione. Intanto una padella antiaderente scaldare un filo d’olio e far rosolare l’aglio, eliminare quest’ultimo e mettere a cuocere i pomodorini tagliati in 4, aggiungerci una parte di rucola tritata.
Quando l’acqua bolle buttare la pasta. Ora i pomodorini nell’altra padella saranno cotti a puntino, aggiungere il peperoncino, scolare la pasta al dente, versarla nella pentola coi pomodorini e far saltare qualche minuto. Impiattare e aggiungere su ogni piatto delle foglie di rucola fresca.
Buon appetito!

 
3 commenti

Pubblicato da su 25 giugno 2012 in Cucina Pugliese, Primi Piatti, Ricette Vegane

 

Tag: ,