RSS

Archivi categoria: Piatti unici

Okonomiyaki

Che cucina sguarnita che abbiamo! Siamo partite in 5, piene di intenti, pentolame ed ingredienti, ma ora questo blog langue, come un frigorifero vuoto…però voglio metterci ancora un po’ di passione prima di darmi per vinta…

Sto organizzando un nuovo viaggio in Giappone, stavolta solo 10 giorni, ma saranno molto, molto intensi!
Vado con un’amica che non è mai stata prima, ed in 10 giorni avremo davvero tantissimi posti da vedere, un milione di cose da fare e mille piatti da assaggiare!

E, a proposito di cibo giapponese, ultimamente mi è venuta una gran voglia di okonomiyaki, e siccome in giro per Roma non c’è nessun ristorante che lo propone in menù, sono andata a fare spesa e ho deciso di prepararmela da sola e devo dire che il risultato è stato ottimo, più che gradito anche dalle persone cui l’ho preparato!

In casa avevo già la maionese kewpie (kyupi) e la salsa per gli okonomiyaki, nonchè le alghe aonori, trovate da NaturaSì.

Il resto della spesa comprendeva:

1/4 di cavolo verza
1/2 cipolla
5 funghi champignon
5 friggitelli
del formaggio che fonde tipo fontina a tocchettini
1 bicchiere di farina
1 pizzico di sale
1 uovo
1 cucchiaino di olio di semi

Preparazione

Tagliare tutte le verdure a listarelle e mischiarle bene in una ciotola capiente, in un altro contenitore mescolare bene la farina con 3/4 bicchiere di acqua, l’uovo e un pizzico di sale, poi unire le verdure e continuare a mescolare finchè tutto sia ben amalgamato. La consistenza finale deve essere con una prevalenza di verdure appena ricoperte dalla pastella!

Il formaggio può essere sia amalgamato all’impasto, in questa fase, sia messo sopra, come topping, una volta girato l’okonomiyaki.

In una padella antiaderente riscaldare 1 cucchiaino di olio di semi e, quando è caldo, versarvi la metà della pastella (io l’ho fatto contemporaneamente in 2 padelle in modo che sia io che il mio ospite non vegetariano potessimo mangiare il nostro okonomiyaki contemporaneamente, ma si possono fare anche una dietro l’altra e dividervele!). Allargare bene l’impasto nella padella, fino a renderlo tonda e uniformemente alto.
Coprire con un coperchio ed attendere che la parte sotto sia ben dorata (5 minuti circa), prima di rigirare la frittella per farla cuocere dall’altrra parte (altri 5 minuti circa).

Servite su un piatto di portata insieme ai condimenti (maionese, salsa okonomiyaki e alghe aonori), che potranno essere aggiunti a vostro gradimento!

Son venute così buone che stavo pensando di aprire un ristorante ;-) !!

Alla prossima,
bunny chan.

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 17 settembre 2012 in Cucina Giapponese, Piatti unici, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Pitta di patate alternativa

Qui dalle mie parti questo genere di piatto (patate lesse, schiacciate e cotte al forno con ripieno) si chiama “pitta” e il modo classico di farla è al prosciutto e formaggio o alla pizzaiola, cioè con capperi, pomodori, cipolla, olive nere e caruselle, ovvero l’infiorescenza del finocchio.
Ma come si sarà intuito, mi piace sperimentare in cucina, così ho creato una pitta alternativa, con gli spinaci.Tra l’altro mia sorella aveva già le patate lesse e passate, meglio di così!

Ingredienti:
-5-6 patate lesse e sbucciate
-1 uovo
-pan grattato
-sale e pepe
-poco latte
-spinaci lessi
-sottilette (io ho usato quelle Galbanino)
-burro

Procedimento:
Aggiungere alle patate l’uovo e un goccio di latte, salare e pepare. Ungere una pirofila con un filo d’olio e creare il primo strato di patate, poi versarci gli spinaci lessi bel strizzati, le sottilette ed infine chiudere con un secondo strato di patate, cospargere di pangrattato e fiocchi di burro. Infornare a 180° per circa 20-30 minuti, fino a quando lo strato superiore non sia diventato dorato.

 
5 commenti

Pubblicato da su 12 marzo 2012 in Piatti unici, Ricette Vegetariane

 

Tag: ,

Crespelle

Noi qua le adoriamo.

Il marito ogni tanto me le chiede.

I ripieni si sprecano, ma il top per lui e’ cotto e formaggio con salsa ai funghi.

Io invece le mangio con scamorza affumicata e salsa ai funghi.

Ovviamente stavolta che le ho preparate per il blog e’ stato un disastro.

Comunque….per la pastella in genere faccio un uovo mischiato con la farina, fino a che non e’ abbastanza solido, poi metto il latte fino a che non e’ una bella pastella. Purtroppo non ho delle dosi molto precise perche’ le ho sempre fatte ad occhio e penso che ognuno deve trovare la sua consistenza. Ricordo che la pastella di mia madre era mooolto piu’ densa di quella che faccio io.

Comunque, una volta cotte, preparo la salsa ai funghi, facendoli cuocere in padella e frullandoli con un po’ di latte o magari besciamella. Quando ho fatto la foto ho sperimentato una salsa molto densa che pero’ non era male per niente.

Quindi, ho messo le fettine di scamorza e chiuso in due la crespella, che col calore ha sciolto il formaggio e messo sopra la salsina.

 
1 Commento

Pubblicato da su 28 febbraio 2012 in Piatti unici

 

Tag: ,

Ratatouille

Ho fatto disperare la mia mamma per anni, perchè odiavo le verdure. Da alcuni anni, invece, ho iniziato ad apprezzarne il gusto e soprattutto il colore, ma faccio ancora fatica ad inventarmici dei piatti. Però ci provo!

Ecco qui la Ratatouille, che come tutti saprete è un piatto francese, un piatto povero, tipico dei contadini di un tempo, fatto da zucchine, melanzane, peperoni e cipolle cotte in padella.

Non ho mai assaggiato il piatto originale, anche perchè, ahimè, non sono mai stata in Francia (pardon ma Reine -____-‘), la ricetta l’ho presa in rete, esattamente da qui apportando solo una minima modifica nelle spezie e nella quantità (dovendo cucinare per 2 invece che per 4).

Ingredienti per 2 persone abbastanza affamate:

-2 peperoni
-1 zucchina
-1 melanzana
-1 cipolla rossa
-1/2 kg di pomodori succosi
-uno spicchio d’aglio
-olio
-sale
-pepe
-timo
-rosmarino
-dragoncello (non ho idea di che tipo di spezia sia)

Ecco…non ho trovato le 3 spezie, così ho ripiegato su un insaporitore Ariosto, esattamente quello per le carni al forno, per la sola ragione che conteneva sia il timo che il rosmarino, oltre alle altre spezie.

Procedimento:

Pulire e tagliare a pezzi piuttosto piccoli i peperoni, la melanzana e la zucchina. Nel frattempo soffriggere in un po’ d’olio uno spicchio d’aglio e la cipolla rossa tagliata finemente.

Buttare in padella le verdure, aggiungendo poca acqua. Lasciare cuocere circa 10-15 minuti.

A questo punto la ricetta originale prevede di aggiungere i pomodori privati della buccia e dei semi…io però non ho tanta pazienza e, soprattutto, mi piace mangiare i pomodori con la buccia, quindi mi sono limitata a spremerli velocemente tagliandoli in due e aggiungerli al resto della verdura.

Mettere le spezie, il pepe e aggiustare di sale, lasciando poi cuocere almeno altri 10 minuti. Io preferisco le verdure molto morbide, quindi ho lasciato cuocere il doppio del tempo.

La ratatouille è pronta! L’ho accompagnata ad un semplicissimo riso al vapore, per avere un piatto bilanciato e perchè mi piaceva il contrasto fra le verdure colorate e il bianco del riso 😀

Giuro che durante la cottura non avevo nessun roditore nascosto sotto al cappello 😉

 
5 commenti

Pubblicato da su 30 gennaio 2012 in Piatti unici, Ricette Vegane

 

Tag: , ,

Ho veganizzato i burritos

La ricetta della mia compagnuccia di blog mi ha fatto venire voglia di provare a fare questa ricetta, ma io non mangio carne. La cosa piu’ semplice e’ stata prendere il seitan, che casualmente avevo nel frigo, e le tortillas, che avevo sempre casualmente, e provare. Ho preso la ricetta e ho semplicemente sostituito la carne col seitan.

Purtroppo mio marito mangia carne e quindi non ha voluto nemmeno assaggiare la mia versione, che e’ stata fatta in mono dose.

Quindi gli ingredienti sono:

  • 2 tortillas
  • 100 gr di seitan
  • mezzo peperone
  • mezzo pomodoro
  • le spezie.

La salsa messicana non l’ho trovata, e poi io non amo il piccante.

Per cui ho preso pomodori e peperoni e li homessi nella padella con un filo di olio. Intanto il seitan era a fettine…Come fare? ma con la grattugia! Insomma, grattugiato il seitan l’ho messo nella padella, e ho aggiunto le spezie. Cotto tutto e messo nelle tortillas, ecco il risultato:

 
6 commenti

Pubblicato da su 10 gennaio 2012 in Piatti unici, Ricette Vegane

 

Tag: ,

Burritos

Questo è sicuramente il piatto che riscuote più successo fra i miei amici! La ricetta originale mi è stata data da un’ex collega, in maniera molto approssimativa, ci ho pensato poi io ad ottimizzarla e il risultato è stato perfetto!
Per fare i burritos serve:
– Tortillas (piadine messicane)
– 600 gr di macinato bovino
– 2 peperoni, uno rosso e uno giallo
– 7-8 pomodori (io uso i ciliegina)
– una cipolla
– olio q.b.
-spezie per burritos. Io ultimamente uso il preparato di spezie per burritos di Cannamela, della linea sapori del mondo, che contiene peperoncino, paprika dolce, pepe, aglio, cipolla, origano e cumino, ma se non trovate il preparato potete metterci le spezie singolarmente.
-salsa messicana piccante.
Al supermercato trovo sia le piadine che la salsa piccante nel reparto di cibi etnici, sono entrambe della marca Casa Fiesta.

Procedimento:
Tagliare la cipolla sottile sottile o tritarla se non gradite che si senta in bocca, tagliare i peperoni a listarelle e i pomodorini in spicchi.
In una pentola antiaderente molto capiente (io uso il wok dell’ikea) scaldare un po’ d’olio e fare appassire la cipolla, aggiungere i peperoni e quando questi si saranno ammorbiditi, versare i pomodori.
Lasciare cuocere qualche minuto, poi aggiungere la carne macinata e mescolare affinchè tutto si amalgami, versare le spezie (regolatevi con la quantità versandone poco alla volta e assaggiando), aggiustare di sale e lasciare andare fino alla completa cottura della carne.
Nelle spezie è presente il peperoncino, quindi la carne sarà appena piccante ma, se lo gradite, potete aggiungere uno o due cucchiaini di salsa piccante già in cottura.
Personalmente preferisco cuocere senza la salsa e lasciare che ogni ospite scelga se mettercela o meno nella propria tortillas.
A questo punto non vi resta che scaldare le tortillas e farcire!
Buon appetito!!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 gennaio 2012 in Piatti unici

 

Tag: ,