RSS

Pitta di patate alternativa

12 Mar

Qui dalle mie parti questo genere di piatto (patate lesse, schiacciate e cotte al forno con ripieno) si chiama “pitta” e il modo classico di farla è al prosciutto e formaggio o alla pizzaiola, cioè con capperi, pomodori, cipolla, olive nere e caruselle, ovvero l’infiorescenza del finocchio.
Ma come si sarà intuito, mi piace sperimentare in cucina, così ho creato una pitta alternativa, con gli spinaci.Tra l’altro mia sorella aveva già le patate lesse e passate, meglio di così!

Ingredienti:
-5-6 patate lesse e sbucciate
-1 uovo
-pan grattato
-sale e pepe
-poco latte
-spinaci lessi
-sottilette (io ho usato quelle Galbanino)
-burro

Procedimento:
Aggiungere alle patate l’uovo e un goccio di latte, salare e pepare. Ungere una pirofila con un filo d’olio e creare il primo strato di patate, poi versarci gli spinaci lessi bel strizzati, le sottilette ed infine chiudere con un secondo strato di patate, cospargere di pangrattato e fiocchi di burro. Infornare a 180° per circa 20-30 minuti, fino a quando lo strato superiore non sia diventato dorato.

Annunci
 
5 commenti

Pubblicato da su 12 marzo 2012 in Piatti unici, Ricette Vegetariane

 

Tag: ,

5 risposte a “Pitta di patate alternativa

  1. bunny

    12 marzo 2012 at 14:10

    Questa me la prenoto per la prossima volta che vengo, va bene 😉 ?

    B.

     
  2. donatella

    12 marzo 2012 at 23:14

    buonaaa! patate e spinaci sono una cosa tanto buona quanto sottovalutata! la voglio fare! buonissima!

     
  3. brioche82

    13 marzo 2012 at 11:52

    Bunny certamente! 😉

    Donatella hai ragione, io adoro entrambi e di questa pitta, in particolare, ne mangerei a tonnellate! Se la rifai voglio sapere il tuo parere eh!! 😀

     
  4. sonia colopi

    13 marzo 2012 at 22:58

    L’inventiva in cucina lascia uno spazio infinito alla fantasia, quando poi gli ingredienti sono semplici e il procedeimento veloce, allora ci si può dire vincenti.Ho voluto subito sperimentare questa nuova ricetta e devo dire di esserne entusiasta, insieme ai miei ospiti ai quali non mi è sembrato vero poter parlare degli “spigolatori”, intelligenti, simpatici e colti. Cosa posso volere di più?

     
  5. brioche82

    14 marzo 2012 at 09:18

    Ciao Sonia, grazie per il tuo commento e per aver sperimentato la mia pitta!
    Che bella scoperta il sito “spigolature salentine”, ci son capitata per caso quando cercavo di spiegare alle mie colleghe di blog cosa fossero le caruselle e da allora ci ripasso spesso, è davvero interessante.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: