RSS

Crostata al contrario con il Bimby

Ciao!

Ecco la ricetta per una crostata con frolla al cacao da fare velocemente con il Bimby!

Per la frolla:

  • 300gr farina
  • 50 gr cacao amaro in polvere
  • 110 gr zucchero
  • 130 gr burro (io ho usato burro di soia)
  • 2 uova
  • una bustina di lievito o cremor tartaro

Inserire tutti gli ingredienti nel boccale e mandare 20-25 secondi a velocità 4. Avvolgere nella pellicola e mettere a riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Per la crema:

  • 100 gr zucchero
  • una stecca di vaniglia (aprire ed usare la polvere)
  • 500 gr di latte (si può usare anche quello vegetale)
  • 2 uova
  • 40 gr di farina

Inserire zucchero e farina nel boccale e mandare 10 secondi a velocità Turbo. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e cuocere a 90° velocità 4 per 7 minuti.

Una volta freddata la crema comporre la crostata e cuocere a 180°C per circa 25-30 minuti (dipende anche dal vostro forno).

Ecco la mia! Le stelline sono state fatte dalla mia bimba! Buon appetito!

foto torta

 

 
 

Crostata veg

Oggi nevica tantissimo e mi sono detta… Ma noi non avevamo un blog una volta??

Eravamo tante, giovani, e cucinavamo tantissimo, ignorando bilance e nutrizionisti…Che fine abbiamo fatto??? E cosi’ ho cercato di ricordare i dati di accesso per inserire i post. Ma non prima di aver cucinato una delizia. Altrimenti di che parlavo??

E’ partito tutto da mille vasetti di marmellata aperti e mai finiti, che come sempre si trovano nel mio frigo. Mio marito adora la crostata. E io ho la mia nuova planetaria da provare e stra-provare.

Quindi, via, inseriti gli ingredienti, ho fatto fare a lei lo sporco lavoro e mi sono limitata a stendere la pasta e cospargerla di marmellata. Si, e’ stata dura, ma ci sono riuscita.

IMG406

Per la torta servono:

  • 250 gr di farina (io ho usato la farina di farro integrale, la mia nuova passione)
  • 125 gr di zucchero (altra mia nuova passione, il mascobado integrale)
  • 50 ml di olio di semi
  • 150 ml di latte di soia
  • mezza bustina di lievito
  • la scorza di un’arancia bio
  • 300 gr di marmellata

Per chi come me ha la planetaria e’ molto semplice. Ho messo la farina, il lievito, la scorza dell’arancia e lo zucchero. Ho azionato e versato a filo il latte e l’olio. poi mi sono limata le unghie, pettinata i capelli, fatto delle prove di trucco, letto una rivista. Non e’ vero, son stata li in adorazione i 5 minuti in cui ho fatto girare il gancio impastatore, osservando bene che cosa faceva, questa strana magia.

Se non avete il mago impastatore, fa niente, non e’ complesso. Basta fare la fontana con la farina, il lievito, l’arancia e lo zucchero, versare al centro olio e latte e sporcarsi le mani.

Come ogni frolla che si rispetti, va fata riposare una mezz’ora in luogo fresco. E poi si puo’ procedere a stenderla. L’ho trovata un po’ appiccicosa, credo per colpa del mascobado, che risulta molto umido. L’ho stesa quindi direttamente sulla carta da forno, appoggiandola sulla teglia e lavorandola con le mani umide. poi le ho fatto il bordino con un pochino di pasta, messa la marmellata e fatte le strisce e le palline. Infornata per 35 minuto a 180°.

Ora e’ di la che aspetta di essere mangiata. Quindi, se non vi spiace, io andrei.

 
2 commenti

Pubblicato da su 23 febbraio 2013 in Dolci, Torte e Biscotti, Ricette Vegane

 

Tag:

Sbrisolona alla nutella col bimby

Uno dei miei primi esperimenti col Bimby è stata questa torta, facilissima e velocissima.

Ho seguito una ricetta presa in uno dei gruppi Facebook di ricette Bimby, ecco gli ingredienti:

  • 400 gr farina 00
  • 2 uova
  • 170 gr zucchero
  • 2/3 di bicchiere di carta di olio EVO o di semi
  • 1 bustina lievito per dolci

Procedimento: inserire tutti gli ingredienti ed impostare 45 secondi a vel5 spatolando. Risulterà un impasto già sbriciolato. Mettere circa 2/3 del composto sul fondo dello stampo da crostata (non è necessario imburrarlo), farcire con la nutella scaldata al microonde o a bagnomaria e sbriciolare l’impasto rimanente sopra. Cuocere in formo a 180°C per circa 30 minuti.

Se l’impasto non risultasse abbastanza sbriciolato aggiungere farina. Credo sia un dolce fattibilissimo anche senza Bimby…è buonissimo e secondo me è uno di quei dolci salva visite improvvise!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 novembre 2012 in Dolci, Torte e Biscotti

 

Novità in cucina

Essere preda di facili entusiasmi ed appassionarmi (in modo compulsivo!) a cose nuove fa parte del mio carattere…e così, ultimamente, complice la voglia di distrarmi dalla routine lavoro-casa-bimba sono arrivate due new entry nella mia cucina: il Bimby e il licoli (o lievito madre liquido)!

Al Bimby ho fatto la “corte ” per parecchio tempo ma mi frenava il prezzo alto ( e chi può darmi torto?!?)…poi però a settembre ho assistito ad una dimostrazione e complice l’entusismo ed una buona offerta per finanziamento a tasso zero ho ceduto! Che dire?!? Ce l’ho in casa da un paio di settimane e già lo amo! Lo sto usando almeno una volta al giorno ed ho già fatto diversi esperimenti (tutti riusciti)!

La pasta madre liquida o licoli mi è stata “spacciata” sempre un paio di settimane fa da una collega, perchè avevo cominciato a panificare ma con i cubetti del lievito di birra. Abbiamo dovuto fare un pò amicizia, ma dopo qualche giorno e qualche esperimento fallito siamo entrate in sintonia! A differenza della pasta madre solida la liquida necessita di meno “cure” perchè può essere rinfrescata (con stessa quantità farina e 130% di acqua) fino a 40 giorni dopo conservandola in frigoriferifero in un barattolo di vetro chiuso. Semplicemente è sufficiente fare 2-3 rinfreschi prima di utilizzarla per panificare, è pronta quando raddoppia il suo volume in circa 4 ore e diventa bella bollicinosa:

 
2 commenti

Pubblicato da su 24 ottobre 2012 in Bimby, Recensione prodotti

 

Tag:

Zuppa di Zucca Arrosto

Halloween si avvicina ed è di nuovo tempo delle mie adorate zucche!!! La zuppa di zucca classica è tra le mie preferite e nel mio repertorio da sempre, così ho voluto provare una variante, con la zucca cotta in forno.

Ingredienti:

1 bello spicchio di zucca
1 patata
1 spicchio d’aglio in camicia
1 cipolla piccolina
4/5 pomodori ciliegini (o pachino)
1 rametto di rosmarino
1 rametto di timo
brodo vegetale
olio, sale e pepe

Preparazione:

Tagliare tutte le verdure a tocchetti e metterli in una teglia da forno, insieme all’aglio in camicia e alle erbe aromatiche, condire con olio, sale e una spolerata di pepe ed infornare con forno caldo a 220°, finchè le verdure non saranno tenere. Passare dalla teglia ad una pentola, e frullare il tutto con l’aggiunta di brodo vegetale, fino ad ottenere una crema abbastanza spessa. Aggiustare di sale, se necessario.

Io ho servito con dei crostini ripassati in padella con l’olio di mia madre e mezzo cucchiaino di curry, e per finire una spolverata di semini misti.

Alla prossima,
bunny chan.

 
1 Commento

Pubblicato da su 17 ottobre 2012 in Ricette Vegane, Zuppe, Creme e Vellutate

 

Tag:

Pane bianco

Sabato ho voluto fare un esperimento: provare a cucinare il pane senza l’aiuto della macchina del pane!

Ecco gli ingredienti:

  • 700 grammi farina
  • 300-350 ml di acqua tiepida (io ad occhio ne ho aggiunta un pò di più)
  • 25 grammi di lievito di birra
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • 3 cucchiaini rasi di sale
  • 2 cucchiaini di succo di limone (facoltativo, io li ho messi per togliere il sapore del lievito)

Procedimento:

Mettere in una ciotola il lievito con metà dell’acqua tiepida e lo zucchero. Mescolare e far riposare 15 minuti.

In una ciotola versare la farina e nel centro inserire tutti gli ingredienti. Mescolare piano fino ad incorporare tutta la farina.

Mettere nel piano di lavoro e lavorare bene la basta tirandola e battendola (per attivare il glutine) finchè non risulta elastica. Mettere poi a lievitare almeno 2 ore in una ciotola coperta da un canovaccio pulito (trucco: prendere un pochino di pasta e mettetela in un bicchiere con l’acqua, quando sarà pen lievitata la pallina verrà a galla).

Lavorare ancora la pasta e metterla in una teglia dandogli la forma che preferite. Cospargere la superficie con farina e praticare delle incisioni.

Dopo aver lasciato lievitare per 50 minuti circa infornare a forno statico a 200° per 45 minuti circa.

 
1 Commento

Pubblicato da su 8 ottobre 2012 in Pane e panini

 

Spaghetti asparagi, alghe nori e sesamo tostato

Ci siamo!!! Sono in partenza! Torno in Giappone, l’unico posto al mondo, oltre alla mia città, che mi fa sentire a casa!

E per festeggiare eccovi un piatto di spaghetti (la mia pasta preferita!), wafu, ossia alla maniera giapponese!

Ingredienti:

160 g di spaghetti
alghe nori tagliate a striscioline
semi si sesamo tostati
salsa di soia
un mazzetto di asparagi
aglio
olio

Preparazione:

Mentre l’acqua per la pasta viene portata ad ebollizione, mettere un giro di olio in una padella, uno spicchio d’aglio (io lo taglio a lamelle dopo aver levato la buccia e l’anima) e gli asparagi tagliati a rondelle. Aggiungere un po’ di acqua per fare in modo che questi ultimi si cuociano bene ed insaporire verso fine cottura con della salsa di soia al posto del sale. Intanto cuocere gli spaghetti e, quando sono al dente, scolarli e versarli nella padella col condimento e saltare per un minuto circa. Impiattare ed aggiungere sul piatto di portata i semi di sesamo tostati a dovere e le alghe nori a striscioline!!

Gli asparagi non sono l’unica verdura che uso per questo piatto, ci stanno molto bene anche broccoli o cavolfiori e anche i funghi, champignon o misti.

Alla prossima,
bunny chan.

 
2 commenti

Pubblicato da su 3 ottobre 2012 in Cucina Giapponese, Primi Piatti

 

Tag: , ,

Crema di Mais

Sta tornando il freddo…a tratti, ma già mi è venuta voglia di cucinare zuppe 😉 !!! Vi ho già detto che adoro le zuppe, vero? Ho comprato un bel libro tempo fa e ne ho provate alcune, ma mai programmate: guardo in frigo e se ho gli ingredienti adatti mi cimento, magari apportando qualche piccola modifica qua e là, a seconda delle disponibilità e dei gusti!

Tempo fa avevo delle pannocchie di quelle precotte: le compro ogni tanto da fare come contorno al volo, quando ho poco tempo e voglia di qualcosa di diverso. Io ne avevo 2 ed ho dimezzato le dosi, ma qui voglio darvi la ricetta intera, che dovrebbe essere più o meno per 4 persone!

Ingredienti:

4 pannocchie
500 ml di acqua
sale
2 foglie di alloro
2 cucchiai di olio d’oliva
1 cipolla grande a fette
1 patata grande a cubetti
timo
salvia
200 g di formaggio spalmabile
1 bicchiere di latte (io uso sempre quello di soia)
pepe
paprika per guarnire

Sgranare le pannocchie, mettere da parte i torsoli e cuocere i chicchi in 500 ml di acqua con l’aggiunta dell’alloro e un pizzico di sale (15 minuti dopo l’ebollizione). Scolare il mais e tenere da parte l’acqua di cottura.
in una padella far appassire la cipolla con dell’olio, poi aggiungere la patata e gli odori, far andare un po’, poi aggiungere l’acqua di cottura del mais e cuocere finchè le patate non risultino morbide.
Nel frattempo mettere i torsoli in una pentola, coprirli a filo con dell’acqua e far bollire per 2 minuti.
Aggiungere il formaggio e il latte e fresco nelle patate e frullare il tutto, aggiungere l’acqua dei torsoli ed il mais, riscaldare e aggiustare di sale e pepe. Servire con un pizzichino di paprika per fare un po’ di colore!

Ho adorato la sua doppia consistenza: la cremosità e il mais, che invece scrocchia sotto i denti!

Alla prossima,
bunny.

 
1 Commento

Pubblicato da su 26 settembre 2012 in Ricette Vegetariane, Zuppe, Creme e Vellutate

 

Tag:

Okonomiyaki

Che cucina sguarnita che abbiamo! Siamo partite in 5, piene di intenti, pentolame ed ingredienti, ma ora questo blog langue, come un frigorifero vuoto…però voglio metterci ancora un po’ di passione prima di darmi per vinta…

Sto organizzando un nuovo viaggio in Giappone, stavolta solo 10 giorni, ma saranno molto, molto intensi!
Vado con un’amica che non è mai stata prima, ed in 10 giorni avremo davvero tantissimi posti da vedere, un milione di cose da fare e mille piatti da assaggiare!

E, a proposito di cibo giapponese, ultimamente mi è venuta una gran voglia di okonomiyaki, e siccome in giro per Roma non c’è nessun ristorante che lo propone in menù, sono andata a fare spesa e ho deciso di prepararmela da sola e devo dire che il risultato è stato ottimo, più che gradito anche dalle persone cui l’ho preparato!

In casa avevo già la maionese kewpie (kyupi) e la salsa per gli okonomiyaki, nonchè le alghe aonori, trovate da NaturaSì.

Il resto della spesa comprendeva:

1/4 di cavolo verza
1/2 cipolla
5 funghi champignon
5 friggitelli
del formaggio che fonde tipo fontina a tocchettini
1 bicchiere di farina
1 pizzico di sale
1 uovo
1 cucchiaino di olio di semi

Preparazione

Tagliare tutte le verdure a listarelle e mischiarle bene in una ciotola capiente, in un altro contenitore mescolare bene la farina con 3/4 bicchiere di acqua, l’uovo e un pizzico di sale, poi unire le verdure e continuare a mescolare finchè tutto sia ben amalgamato. La consistenza finale deve essere con una prevalenza di verdure appena ricoperte dalla pastella!

Il formaggio può essere sia amalgamato all’impasto, in questa fase, sia messo sopra, come topping, una volta girato l’okonomiyaki.

In una padella antiaderente riscaldare 1 cucchiaino di olio di semi e, quando è caldo, versarvi la metà della pastella (io l’ho fatto contemporaneamente in 2 padelle in modo che sia io che il mio ospite non vegetariano potessimo mangiare il nostro okonomiyaki contemporaneamente, ma si possono fare anche una dietro l’altra e dividervele!). Allargare bene l’impasto nella padella, fino a renderlo tonda e uniformemente alto.
Coprire con un coperchio ed attendere che la parte sotto sia ben dorata (5 minuti circa), prima di rigirare la frittella per farla cuocere dall’altrra parte (altri 5 minuti circa).

Servite su un piatto di portata insieme ai condimenti (maionese, salsa okonomiyaki e alghe aonori), che potranno essere aggiunti a vostro gradimento!

Son venute così buone che stavo pensando di aprire un ristorante ;-) !!

Alla prossima,
bunny chan.

 
1 Commento

Pubblicato da su 17 settembre 2012 in Cucina Giapponese, Piatti unici, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,

Tagliolini alla russa con un tocco giapponese

Da quando ho assaggiato il caviale vegan di ikea, sono sempre alla ricerca di nuove idee per usarlo in cucina, e così mi sono imbattuta per caso in questa ricetta, che all’origine prevedeva, naturalmente, del vero caviale, ma che ho reinterpretato in chiave vegetariana.
E siccome ce le avevo a portata di mano ed ho pensato che il loro sapore marino si sposasse bene con il caviale vegan, ci ho anche aggiunto il mio tocco orientale!!
Ingredienti e dosi per 2 persone:
160 g di tagliolini
panna di soia
burro
1/2 bicchierino di vodka
2 cucchiai di tangkorn
sale
pepe
alghe nori tagliate a listarelle

Preparazione

Lessate i tagliolini in abbondante acqua salata.
Nel frattempo sciogliete il burro in una casseruolina, unite la panna, la vodka e il tangkorn.
Mescolate e scaldate a fiamma bassissima senza far prendere l’ebollizione, poi salate e pepate.
Scolate i tagliolini, senza però farli asciugare troppo, e metteteli in padella col condimento, saltandoli per qualche secondo. Prima di servire, aggiungete su ogni piatto una manciata di alghe nori!
Alla prossima,
bunny chan.
 
2 commenti

Pubblicato da su 5 settembre 2012 in Primi Piatti, Ricette Vegetariane

 

Tag: , ,